New York dal 9 maggio al 5 agosto Omaggio a Poiret


Primo stilista in senso moderno, viene celebrato al Metropolitan Museum di New York dal 9 maggio al 5 agosto. Prima di lui le donne erano divise in due (petto e derrière) da corsetti opprimenti, che segnavano la vita e davano alla figura una linea ad "S". Paul Poiret (1879-1944) cambiò radicalmente la silhouette, regalandole scioltezza e reinventando completamente la tavolozza dei colori nei tessuti, da pallidi ad accesi. Ora il Dipartimento del Costume del Metropolitan Museum di New York riconosce un tributo al grande sarto con una mostra che apre il 9 maggio per chiudere il 5 agosto. Cinquanta modelli esposti, video, fotografie e preziose illustrazioni realizzate dai grandi disegnatori ed artisti dell'epoca come Georges Lepape, Paul Iribe, Erté, Raoul Dufy e Georges Barbier. Amico di personaggi come Man Ray, Jean Cocteau e Peggy Guggenheim, Poiret ha saputo offrire alla moda un connotato artistico, dandole una dignità diversa. Era un couturier a tutto tondo: mecenate megalomane, amante del bel vivere, delle feste, del lusso. Nato a Parigi nel 1879 da un commerciante di stoffe, dopo la scuola venne mandato a bottega da un fabbricante di ombrelli ma con gli scampoli delle stoffe creava abiti per le bambole delle sorelle. Disegnando i suoi modelli trovò lavoro da Jacques Doucet, grande sarto dell'epoca, che gli trasmetterà il grande amore per l'arte, il teatro ed il collezionismo. Passa poi da Worth tra il 1900 ed il 1901 dove si distingue per creatività realizzando un mantello a kimono che viene venduto in numerosi esemplari. Fino al 5 agosto 2007



Hotels in New York City

Commenti

Post più popolari